Dalmata

Dalmata

dalmata

Origini:
Chi non conosce il Dalmata, cane bianco dalle macchie nere, però forse la conoscenza di tutti resta ferma al cartone che gli diede nel bene e nel male tantissima notorietà: la carica dei 101. Dopo il successo dei cuccioli braccati da Crudelia Demon, ci fu un boom di diffusione di questo cane che portò come in tante occasioni, anche un boom di abbandoni. Ovviamente come in molte occasioni, l’adozione di razze semplicemente perché di moda, ha in genere degli esiti catastrofici. Chi possiede un Dalmata o qualunque altra razza dovrebbe essere stato spinto da ragioni ben diverse per il suo acquisto… L’origine di questo cane lo vede comparire in Dalmazia, una Regione della Croazia dove pare che il suo mantello maculato ricordasse il simbolo della Dalmazia ovvero il leopardo. Fu selezionato come cane da caccia,anche se oggi è prettamente impiegato nella compagnia.

Aspetto e caratteristiche:
Il Dalmata è un cane di media taglia dal corpo armonico e muscoloso. Le sue proporzioni lo rendono un cane di una certa eleganza e di certo il suo mantello maculato non passa inosservato. Le macchie possono essere o nere o color fegato, ma essenziale è che siano numerose, a forma di monete e ben distinte l’una dall’altra.

Attitudini:
Cane dall’aspetto regale ma di notevole potenza e resistenza fisica. Si adatta anche alla vita in appartamento perché il suo pelo liscio e corto è di facile gestione, ma necessita di passeggiate, corse e anche attività sportive. Non è adatto a persone pigre. Molto affettuoso si lega moltissimo al padrone. Gentile con i bambini deve essere controllato data la mole e in alcuni casi la sua esuberanza.

Salute:
Il Dalmata è soggetto a sordità congenita, e displasia dell’anca. Deve essere acquistato in allevamenti seri e riconosciuti, per avere soggetti sani e ben selezionati.

Lascia un commento