Riproduzione

Riproduzione

Riproduzione

La Riproduzione è la base della sopravvivenza della specie, un complesso di eventi fisologici di estrema importanza. Col termine di fisiologia si intende quell’insieme di meccanismi che detta il funzionamento degli organi interni del corpo. Dal loro corretto funzionamento ne dipende chiaramente tutto lo stato di salute dell’individuo.
Il cane è un mammifero monoestrale non stagionale.
Questo significa che il cane presenta una fase estrale durante un’interna stagione riproduttiva a cui fa seguito una lunga fase di anaestro. L’intervallo fra due cicli è di circa 7-8 mesi, con variazioni tra le 16 e le 56 settimane.

Il ciclo estrale in una femmina di cane è suddiviso in quattro fasi:
Proestro: In questa fase compare un aumento dell’attività ovarica che precede la fase estrale.
È un periodo caratterizzato da irrequietezza, eccitabilità e difficoltà di obbedienza. La femmina respinge il maschio anche se inizia la produzione di feromoni per attirarlo successivamente

Estro: Fase del ciclo in cui c’è l’accettazione del maschio. È la fase vera e propria dell’accoppiamento, ha una durata molto variabile, dai 3 ai 21 giorni.

Diestro: È la fase caratterizzata dalla intensa produzione di progesterone vanno diminuendo le variazioni dovute alla precedente produzione di estrogeni e con esse le manifestazioni comportamentali. Il diestro si definisce gravidico se la fecondazione è avvenuta, non gravidico se questa non si è verificata e in questo caso ha una durata di 75 giorni circa.

Anaestro: Rappresenta il momento dell’inattività sessuale, tra un ciclo e l’altro e può avere una durata variabile all’incirca tra i 4-5 mesi.
La variabilità di questa fase determina la variazione del ciclo della cagna.